ARNOLD MINDELL'S WORKS TRANSLATED IN ITALIAN

Processwork  e Psicoterapia Corporea (la teoria del Dreambody and of Dreaming Body):

  • Il Corpo Che Sogna. La scienza del Dreambody. Psicoterapia dei processi corporei. RED Edizioni – Milano, 1990; br., pp. 168, ill. (L’Altra Medicina/Studio. 27). Titolo originale inglese: River’s Way. The process science of the dreambody. 1985  – Fuori Catalogo.

i-messaggi-del-corpo-che-sogna-a-mindell-copertina   

This interesting and original book takes the individual into consideration from a holistic point of view. The body, the mind, the dreams, are vectors of messages that emerge from the unconscious and that have a meaning that can indicate ancient conflicts, anxieties and unrecognized problems. The body with its truth and its authenticity, and the messages of the body that dreams, are the protagonists of the many experiences of pain and discomfort narrated with transport by the author. According to Mindell, physical illness, like dreams, is a message of the unconscious, an inner request for attention and a stimulus, an indication and a way to change. The disorder is therefore the dream of our body, and as such it must be analyzed, using the tools made available by the most modern body techniques and Jungian psychoanalysis. Il Corpo che Sogna mostra al lettore quale significato nascosto si celi dietro numerose malattie fisiche o mentali, e suggerisce come sfruttarne il lato positivo ai fini di una completa guarigione e di un ampio dispiegamento della propria personalità.

  • I Messaggi del Corpo che Sogna. RED Edizioni – Milano, 1993; br.,pp.139. (L’Altra Medicina/’o6) Titolo originale inglese: Working with the Dreaming Body, 1985 – Fuori Catalogo.
  • I Messaggi del Corpo che Sogna Animamundi, Otranto 2017

i-messaggi-del-corpo-che-sogna-a-mindell-copertinaworking-with-the-dreaming-body      

Psyche and soma are neither the same thing nor separate entities, but rather the two ends of a continuum. For simplicity we can read the phenomena as belonging to one or the other of these extremes: from here the body, the material world, from there emotions and thoughts, the immaterial world. So in every bookstore we can find shelves overflowing with volumes on psychoanalysis and the like, and shelves on all kinds of body techniques. The shelf still to be filled is that of the books that deal with rooting mental, symbolic, emotional and biological processes in each other. The publication of this text by Arnold Mindell has finally solved the age-old and embarrassing problem of the lack of a valid introductory text on contemporary psychosomatics. (...) The messages of the dreaming body belong to a good generation of books that condense many of the insights that may have characterized the experience of those working in this field in a simple but well-structured way. (...) the decisive role of Arnold Mindell was both to have known how to codify many of these intuitions and to have known how to communicate them ... "(Jader Tolja)

 

Your body and its symptoms are powerful allies, they contain the seeds of your dreams, your personal myth and your enlightenment. The messages coming from the unconscious are communicated to us through our physical symptoms, sensations and other bodily phenomena, much like how they are revealed through dreams. Arnold Mindell's innovative book shows us how to explore and unveil his messages directly, through an experiential and transformative approach, rather than repressive and corrective, for the benefit of your awareness, your health and your life. Drawing on the study of a large number of cases, Mindell shows us how to develop symptoms and other somatic phenomena to reveal the dream and mythical experiences that we usually take for granted in everyday life. It shows us how our symptoms may not simply be a disease that needs treatment but guides on the "road" of meaning and realization.

I have been debating the problem of the relationship between dreams and bodily manifestations for many years. Since I was a child I developed the habit of taking note of my dreams, but despite the long years of training in analytical work and studies to graduate as priami in psychology and then in theoretical physics, I could not grasp the connection existing between dreams and the body. Then twelve years ago I became ill. I was totally confused, because I had no idea how to work on my physical illness, whereas I was now comfortable in working on dreams. I turned to a doctor to entrust him with my headaches, pangs and joint pains, and yet the ailments that plagued me were such as to make me try to discover something more about my body and to better understand how it worked. I read occidental books on medicine and psychology dealing with the body, like Wilhelm Reich and the Gestalt practically everything that had been written about the body. In particular I deepen the texts of ... (...) When I got to the top of all my readings, and after consulting other doctors, I found myself feeling that all these people did nothing but manipulate the body, programming it "cold" and telling the patient how his body should have been. But I wanted to find out what the body had to say. How would the same body behave when left alone? I asked myself : "Why did I get sick? So these pains, these evils, have to do with me, this fever that afflicts me? Is there really a reason? "  I decided to look closely at the physical reactions of others and accurately record everything. It was then that I discovered the vital link that exists between dreams and bodily symptoms. In a flash I realized that something like a body had to exist, a body that is dreaming, a body that is both body and dream. Until now I have never come across a single case where the process of a physical symptom did not even reflect in a dream, despite having seen hundreds of people suffering from some disease and having listened to thousands of dreams. "

We, as a human group, are a family that lives in the same house. And so, we are faced with a practically insoluble dilemma: we can kill ourselves but we cannot avoid ourselves. The more people live on this earth, the more desperate our situation becomes, the stronger it becomes for us to learn how to live together (...) We insist on thinking that the world is fine as it is. The fools and the sick should be locked up; we don't want to listen to them. We try to keep our lives on our feet as best we can, except at intervals, explode in world wars and violence in which we massacre ourselves, and yet we do not reflect much on the nature of such acts and we cannot even do anything that changes the state of the things on the planet.

I believe that certain individuals will change this situation. A certain individual, full of dreams, physical problems and the madness of the collective unconscious, will from time to time have the strength to believe in himself. And he will see through the madness of the world in which he lives, his double signals, limits, lack of authenticity, and he will listen to his own inner suffering. I believe that these individuals, in the future, will know how to rise above the limits of their private groups, endure the scorn and misunderstanding of those around them, overcome the storms that are unleashed when a change is in the air, have patience and hold on until the majority is ready to change their identity. If the studies I have done on the unconscious family body go in the right direction, then I can predict that a single individual who listens to the secondary process and takes it in and through the world will be enough to change not only his immediate environment, but also the surrounding world. " - by book I messaggi del corpo che sogna

Processwork come Pratica di Consapevolezza Individuale e Disciplina Evolutiva  ( per il lavoro con il corpo, i sogni, le relazioni, l’ambiente, il mondo) :

  • Lavorare da Soli su Se Stessi. Il corpo , la mente, il sogno. Edizioni Astrolabio-Ubaldini Editore, Roma 1991 (collana Cambiare Se Stessi)

lavorare-da-soli-su-se-stessi-a-mindell-copertina       working-on-yourself-alone-inner-dreambodywork

Nelle parole dell’autore, “questo libro si propone come manuale autonomo di introduzione e allenamento al lavoro profondo su se stessi attraverso la Psicologia Orientata al Processo  senza l’aiuto di un terapeuta o di un maestro”. A questo scopo, Mindell ha elaborato una sintesi personale, molto concreta ed efficace, di tutte le maggiori pratiche messe a punto in Occidente e in oriente per produrre una trasformazione dell’uomo inteso come unità psicofisica: il Dreambody Innerwork, il lavoro interiore sul nostro inconscio – “Corpo di Sogno”. Qui egli ci insegna a integrare tipi diversi di meditazione (dallo yoga alla vipassana allo zen), varie forme di terapia corporea occidentale, le psicologie del profondo, le tecniche di immaginazione attiva, il rilassamento, il lavoro sui sogni. Insegna inoltre come “bruciare il proprio legno” confidando nel proprio processo personale. Diversamente da The Leader as a Martial Artist o da Essere nel Fuoco, Lavorare da soli su se stessi si concentra molto di più sulle possibilità individuali e sulle applicazioni personali del Processwork.

“Qualsiasi cosa uno sia in grado di vivere, contiene in sè la propria evoluzione, soluzione e crescita. Il materiale di cui sono fatte le nostre visioni, le voci, i dolori fisici non è Maya, non è illusione, ma un treno espresso che ci porta verso noi stessi.”
dal libro Lavorare da soli su se stessi

Processwork e Sciamanesimo:

  • Il Corpo della Sciamana. Un nuovo sciamanesimo per trasformare la salute, le relazioni e determinare il nostro destino. Il Cerchio della Luna, 2000.

il-corpo-della-sciamana-a-mindell-copertina   the-shamans-body-a-new-shamanism-for-health-relationships-and-community

Attingendo alle sue esperienze sciamaniche in Africa, Giappone e India e alla sua personale interpretazione e  messa in pratica dei profondi insegnamenti dello sciamanesimo tolteco tramandato da Don Juan Matus e raccontato in prima persona nelle opere di Carlos Castaneda,  Arny Mindell ci conduce su di un “cammino della morte – the death walk” attraverso le peggiori paure e le più profonde crisi emotive allo scopo di risvegliare il nostro sciamano interiore – il nostro corpo che sogna (dreaming body). I metodi per spillare la saggezza nascosta nelle crisi liberano la nostra consapevolezza e la magia interiore da utilizzare nelle nostre vite quotidiane. Questi metodi ci mettono in grado di diventare completi dal di dentro e di evitare i fantasmi delle speranze irrealistiche e dei desideri che limitano le nostre vite.

Scarica Il Corpo della Sciamana in Formato: PDF / DOC / ePUB / MP3 su: http://navybeats.com/book12/57793.pdf

Processwork e la Facilitazione /Trasformazione dei Conflitti orientata al processo (Lavoro socio-politico  Individuale e di Gruppo su Dinamiche di Potere, Rango e Leadership per una Democrazia più Profonda):

  • Essere nel Fuoco. Gestire la diversità e il conflitto nel lavoro di gruppo come strumenti di trasformazione sociale. AnimaMundi e Terranuova Edizioni, 2011.

essere-nel-fuoco-conflitto-e-diversita-come-strumenti-di-trasformazione-sociale-a-mindell-copertina  sitting-in-the-fire-large-group-transformation-through-diversity-and-conflict-copertina   sitting-in-the-fire-large-group-transformation-through-diversity-and-conflict-copertina-1

Sitting in the fire per Arnold Mindell significa offrire all’ostilità e ai conflitti un modo legittimo per esprimersi, nelle relazioni di coppia, familiari, di lavoro e a tutti i vari livelli della società.
Nel mondo alle spalle di ogni genere di problema ci sono persone e gruppi più o meno numerosi in conflitto. Per quanto si possa puntare il dito contro i crimini, le guerre, l’avidità, la povertà, come se fossero delle entità autonome, la verità è che i problemi derivano dalle persone.
In Sitting in the fire, l’autore sottolinea come nella nostra società, a causa di una radicata paura della violenza, si tenda ad assumere comportamenti pacifici: parlare uno alla volta, esaurire un argomento prima di passare al successivo. Ma questa modalità non è altro che una strategia per risolvere i problemi attraverso un ordine imposto, che non rispecchia affatto, né accoglie, la realtà delle relazioni umane.
L’intento del libro è quello di dimostrare che affrontare il fuoco del conflitto, invece di evitarlo, e uno dei modi più efficaci per risolvere le divisioni presenti ad ogni livello della società. (da http://www.terranuovalibri.it)

Interiore ed esteriore vanno assieme. Politica e lavoro interiore quotidiano non sono separabili. Non si può muovere una critica al mondo senza essere disposti a guardare il mondo di cui siamo portatori, l’universo composito della nostra stessa persona. In questo libro Mindell ci parla di worldwork, ossia di come persone di differente nazionalità ed estrazione sociale possano incontrarsi per indagare assieme i problemi del mondo e allo stesso tempo la propria persona, dimostrandoci come il fuoco della diversità e del conflitto anziché condurre alla discordia, all’intolleranza e alla reciproca ostilità può divenire carburante per generare rapporti autentici, facendoci scorgere l’umanità che ci accomuna dietro ogni ferita. Sino ad oggi la psicologia, la fisica ed i cambiamenti sociali sono rimasti campi separati. Mindell invece porta la psicologia oltre il lavoro su se stessi, nelle aree ad alta tensione della coscienza sociale; conduce la politica al di là degli interessi immediati e dei problemi mondani e la indirizza verso la costruzione della comunità, il più antico e sacro obiettivo degli esseri umani. Un libro prezioso per chiunque si senta impegnato a costruire un nuovo modello di società, indipendentemente dalla propria professione e dal proprio ruolo nel mondo. (dalla quarta di copertina)

Sul  Processwork  come continuazione ed evoluzione della Psicologia Junghiana:

  • Lettera a Carl Gustav Jung nel giorno del suo 125mo compleanno (con un intervista ad Arnold Mindell di Tomasz Stawiszyński). AnimaMundi, 2011.

lettera-a-carl-gustav-jung-nel-giorno-del-suo-125mo-compleanno-copertina

«Non sempre le persone possono sedere sulle poltrone di uno studio, alcuni di loro giacciono negli ospedali in stato comatoso. Alcuni sono arrabbiati e vogliono lottare e uccidersi l’uno con l’altro. […] Nessuna psicologia vuole uscire per strada e trattare con la gente quando è di umore terribile.

La maggior parte della psicologia afferma: “Siate gentili gli uni con gli altri, mediate in modo gentile”, ma questo non funziona sempre! […] Abbiamo bisogno di diversi tipi di psicologia, abbiamo bisogno di un sacco di cose diverse, proprio come abbiamo bisogno di gente che dubita. Sto cercando nuovi tipi di leader e anziani che accettino coloro che dubitano, che accettino la gente che non è d’accordo su niente. Questo è ciò che mi interessa».

«Qualche mattina qui, sulla costa dell’Oregon, il sole splende come oggi, qualche volta c’è tempesta. Quindi, se segui i tuoi processi il tempo cambia, non è sempre lo stesso. Potrei dire che siamo esattamente come la natura. La nostra mente, la nostra mente di tutti i giorni è molto quadrata, molto lineare e non riesce a comprendere che le cose possono cambiare in modi inattesi e possono farlo così rapidamente».

«La paura delle emozioni è una delle ragioni essenziali alla base del razzismo involontario, dilagante nelle culture bianche, non soltanto della tua epoca, ma anche della mia. Mi capisci, ne sono sicuro; la psicologia non è solo una scienza! È anche politica. Se hai paura delle emozioni hai paura di stati alterati di coscienza e, quindi, marginalizzi le culture la cui spiritualità si basa su questi stati”La paura delle emozioni è una delle ragioni essenziali alla base del razzismo involontario, dilagante nelle culture bianche, non soltanto della tua epoca, ma anche della mia. Mi capisci, ne sono sicuro; la psicologia non è solo una scienza! È anche politica. Se hai paura delle emozioni hai paura di stati alterati di coscienza e, quindi, marginalizzi le culture la cui spiritualità si basa su questi stati».

«Non posso davvero biasimarti per aver pensato che i gruppi fossero pericolosi e meno consapevoli degli individui. Come europeo del tuo tempo, avevi una tendenza naturale a sminuire i gruppi come se fossero “primitivi”. Ma questo modo di pensare, come ho già detto, porta al razzismo, per non parlare del sessismo, dell’omofobia e di tutti gli altri “ismi”. So che nel tuo cuore non avevi pregiudizi ma, vedi, se tu li eviti, i gruppi e quelli che si sentono marginalizzati non avranno mai la possibilità di farti acquisire consapevolezza. Evitando i gruppi, eviti parti di te stesso che hai inconsciamente marginalizzato, ed eviti persone reali che potrebbero aiutarti, personalmente, e nella tua relazione con il mondo».

 «Al livello della realtà consensuale siamo tutti semplicemente degli elementi separati, ma se si va più in profondità nel regno dei quanti e in quello del sognare, c’è un’interconnesione. Restare semplicemente alla superficie, al livello della realtà consensuale, rende la gente infelice e depressa. Dopo un po’ ci si sente depressi a essere semplicemente realistici. E si ha bisogno di qualcos’altro, si ha bisogno del sognare, dello sciamanesimo e di tutte quelle cose».

dal libro Lettera a Jung 

Sul confine e la stretta parentela tra Psicologia e Fisica: 

  • Di prossima pubblicazione grazie alla traduzione di Chiara Zaganel: “QUANTUM MIND*, The Edge between Psychology And Physics” per la casa editrice Astrolabio Ubaldini.

quantum-mind-by-a-mindell-cover   quantum-mind-new-edition-by-a-mindell-cover        

Arnold Mindell è il fondatore di una nuova scuola di terapia chiamata Psicologia Orientata al Processo ed è conosciuta in tutto il mondo per la sua sintesi innovativa di sogni, lavoro col corpo, terapia junghiana, processo di gruppo, studi sulla coscienza, sciamanesimo, fisica quantistica, risoluzione di conflitti in piccoli e grandi gruppi . Quantum Mind è la sua esplorazione radicalmente rivoluzionaria dei principi che si trovano in psicologia, matematica, fisica quantistica, e sciamanesimo. Quest’opera di così ampio respiro si avventura in quell’ostico terreno di confine, in cammino attraverso l’universo sui sentieri della ragione e della magia, la matematica e il mito, che riunisce la saggezza tradizionale dell’umanità e sciamanesimo con la scienza contemporanea.

OPERE DI AMY E ARNOLD MINDELL IN LINGUA ORIGINALE (INGLESE)

Recommended books for the frequently asked question: QUESTION: Which of your books do you recommended to learn about process work? We answer; We can’t be objective and suggest first seeing the work of our colleagues (and our own) at the Lao Tse Press www.laotse.com, or at the Deep Democracy Exchange, or at the IAPOP website.

From our own books, we suggest those listed below. In particular:

General reader, a beginner about process work: Riding the Horse Backwards
For feelings skills in therapy: Metaskills
For ideas about creativity: The Dreaming Source of Creativity
For shamanism: The Shaman’s Body
For symbolic background to process ideas: Rivers Way
For beginning body practice: Working with the Dreaming Body
For connections with Jungian Psychology and Dreambody: Dreambody
A good beginner in Comawork: Coma, A Healing Journey
Connections between psychology +physics: Quantum Mind
For Dreamwork: The Dreammaker’s Apprentice
For Lucid Dreaming: Dreaming While Awake
For Relationship work: The Dreambody in Relationships
Group +Political Work- for diversity work, and in depth forums: The Year I, The Leader as Martial Artist, Sitting in the Fire, and The Deep Democracy of Open Forums.
For psychological interventions in psychiatry: City Shadows
For earth based directional experiences: Earth-Based Psychology
Spirituality, Physics, Psychology–the “Mind of God” for self and world: ProcessMind, Dance of The Ancient One

ALTRE LETTURE CALDAMENTE RACCOMANDATE/OTHER READINGS HIGHLY RECCOMENDED:

Applicazioni del Processwork in campo psicoterapeutico: teoria, pratica e studio dei casi – Processwork’s applications in the field of psychotherapy: theory, practice and case studies

  • A Path Made by Walking, by Julie Diamond and Lee Spark Jones – Paperbacks, 2005

a-path-made-by-walking-process-work-in-practice-j-diamond-copertina

Processwork, una nuova forma rivoluzionaria di psicoterapia, è spiegato e esplorato in questa guida passo-passo per i professionisti d’avanguardia nel campo della salute mentale e le persone interessate a un auto-terapia. Informazioni sulla storia del Processwork, i recenti sviluppi nel campo, una discussione sui concetti e termini di fondo e con annotazioni di studio sui casi cliente-facilitatore forniscono ai lettori un quadro dettagliato per comprendere la metodologia, mentre suggerimenti ed esercizi su termini e concetti fondamentali offrono ai professionisti l’esperienza pratica necessaria per gestire la terapia. Sono coperti tutti gli aspetti dell’incontro psicoterapeutico, inclusa la struttura delle interazioni psicoterapeutiche e come lavorare all’interno di una relazione terapeutica.

Process work, a groundbreaking new form of psychotherapy, is explained and explored in this step-by-step guide for cutting-edge mental health professionals and individuals interested in self-therapy. Information on the history of process work, recent developments in the field, a discussion of background concepts and terms, and annotated client–facilitator case studies provide readers with a detailed framework for understanding the methodology, while tips and exercises on fundamental terms and concepts provide practitioners with the practical experience needed to administer the therapy. All aspects of the psychotherapeutic encounter are covered, including the structure of psychotherapeutic interactions and how to work within a therapeutic relationship. 

Per per un uso consapevole del potere e della leadership – for power and leadership’s awareness and practice:

  • Power, a User’s Guide, by Julie Diamond – Kindle Editions, 2016

power-a-users-guide-j-diamond-copertina

Il potere corrompe? Assolutamente si, ma non necessariamente. Il percorso verso l’uso etico, autentico ed efficace del potere è illuminato in questo completo corso d’impatto per lo sviluppo di un’autorità esterna, navigazione ruoli e le responsabilità di elevato potere, e la ricerca di potere personale. Il libro unisce teoria psicologica all’avanguardia con esercitazioni pratiche, storie ed esempi di esperienze dell’autrice in qualità di allenatrice e consulente di leadership per offrire ai lettori gli strumenti e le istruzioni per trovare la loro peculiare mappa dei poteri. Da boss a genitori, da politici a manifestanti, il potere è nelle mani di tutti, in tutto il mondo.

Power corrupts? Absolutely, but not inevitably. The question is: how? What are the traps of power and how we can avoid falling into them? The path toward ethical, authentic, and effective use of power is illuminated in this comprehensive crash course in developing external authority, navigating high-power roles and responsibilities, and finding personal power. The book combines cutting-edge psychological theory with practical exercises, stories, and examples from the author’s experiences as a leadership coach and consultant to provide readers with the tools and instructions to find their unique map of powers. From bosses to parents, politicians to protesters, power rests in the hands of everyone, everywhere.

Newsletter