FACILITATORI

I facilitatori sono persone chiave nel percorso di crescita degli studenti e la relazione tra studenti e facilitatori del processo si svolge in modo completamente privato e indipendente.

Lo studente è tenuto a:

  • scegliere un facilitatore di processwork per effettuare il numero di ore di sessioni personali richieste nel suo programma di studio. la scelta del facilitatore può riguardare laureati in processworkers, insegnanti o studenti avanzati messi a disposizione dalla scuola e pubblicati in questa pagina, o esterni di conoscenza dello studente stesso
  • contattare il facilitatore scelto
  • programmare, accettare e aggiornare la frequenza, orario e modalità delle sessioni effettuate
  • registrare le sessioni effettuate nel suo libretto degli studenti fornito all’inizio degli studi. 

Il team scolastico si prenderà cura di facilitare il rapporto di formazione e apprendimento sopra menzionato e aiuterà lo studente a trovare soluzioni alternative, ovunque si presentino difficoltà o esigenze particolari.

I facilitatori della Scuola

PAOLA PECORARO ESPERSON

PAOLA PECORARO ESPERSON

paolaesperson.p@gmail.comSkype name: esper.p

Studentessa appassionata e ricercatore di musica, musicoterapia, psicologia, educazione e integrazione / inclusione delle diversità, per promuovere la pace, Paola è italiana e studia Process Work con RSPOPUK London. È una studentessa di fase II del Diploma e parla correntemente italiano, inglese e francese.

Vive a Londra, dopo aver frequentato i seminari di diploma e passato gli esami di ammissione alla pratica terapeutica, ha iniziato a lavorare come psicoterapeuta e facilitatrice del Process Work, sotto la supervisione della scuola di formazione. Nel 2014 ha completato il corso di Facilitazione per dirigenti organizzato dal CFOR.

Lei è una musicoterapista, specializzata ad Assisi al corso di quattro anni in musicoterapia, ha un Master in Art Therapy, è una musicista e una compositrice. Ha lavorato per 18 anni come insegnante specialista e musicoterapista per bambini con bisogni educativi speciali, dedicati all’integrazione e all’inclusione delle diversità. Ha teorizzato e applicato la Terapia musicale di gruppo per l’integrazione. È stata la fondatrice e ideatore del corso di formazione triennale della Music Therapy FORIFO, riconosciuto dal Ministero della Pubblica Istruzione, nel quale ha insegnato musicoterapia e supervisione e che ha diretto per 13 anni. Ha insegnato e condotto workshop di musicoterapia in diversi corsi universitari, tra cui il corso di musicoterapia per studenti di Logopedia, Facoltà di Medicina e seminari per studenti di Scienze della Formazione presso l’Università di Roma Tre. Ha completato quattro anni di formazione in Core Energy, per studiare e imparare l’importanza della consapevolezza del corpo e delle emozioni che vivono e rimangono come un ricordo nei nostri corpi. Ha partecipato a diverse conferenze nazionali e internazionali, scritto articoli e pubblicato in italiano e inglese il libro “Musicoterapia per l’integrazione” (Cajola, Esperson, Rizzo, Franco Angeli 2008, RM). Ha esperienza in terapie individuali e di gruppo.

GIANFRANCESCO SISTO

GIANFRANCESCO SISTO

gianfrancesco.sisto@gmail.comSkype: giullare67

Gianfrancesco (Giovanni) Sisto è un cisgender italiano di 48 anni appassionato e sfidato dalle proprie e altrui diversità.
Ha studiato come tecnico dentista presso l’Istituto “IPSIA” di Bari (Italia) e poi ha seguito il suo sogno di essere un uomo libero come Francesco d’Assisi: un uomo che ha lasciato la sua famiglia, lo stato e la carriera per seguire e fidarsi dei suoi sogni e passo in un percorso imbattuto che lo ha condotto tra i poveri e gli emarginati del suo tempo. Gianfrancesco divenne francescano nel 1987.
Ha conseguito una laurea in Teologia presso l’Università “Antonianum” a Roma, con una tesi sul “Dialogo islamo-cristiano nell’Africa sub-sahariana”.
Ha anche conseguito un Master in Teologia spirituale a Roma (Antonianum) con una tesi su “Il modello francescano di accompagnamento spirituale”.
Ha seguito corsi di formazione sui diritti umani e sulla “Revisione periodica universale” a Ginevra presso l’ONG “Franciscans International”.
I suoi sogni notturni e il discernimento della vita lo hanno portato a vivere in Africa per 16 anni (1994 – 2010), tra lingue, popoli e nazioni diverse. Ha vissuto in Tanzania con Wasukuma, in Uganda con il Banyankole, in Zambia con il Nyanja-Chewa e in Kenya con Kikuyus, Luos e molte altre comunità.
Vivere al di fuori della sua area culturale e linguistica ha contribuito all’apprendimento e all’apprezzamento della ricchezza, della saggezza e della bellezza di altre cosmovisioni, visioni del mondo, storie, storia e le sfide che esse comportano.
Tra i vari ruoli che ha ricoperto in Africa, ci sono quelli di leadership, formatore e insegnante.
Ha diretto l’Ufficio di Giustizia, Pace e Cura del Creato per la Famiglia Francescana a Nairobi (Kenya) e ha preso parte al processo di riconciliazione dopo le elezioni del 2007. In tale contesto, ha incontrato l’approccio “facilitazione del conflitto” di “Processo di lavoro”. “In un seminario facilitato da Anup Karia, membro della Facoltà di Processwork nel Regno Unito.

Gianfrancesco ha vissuto dal 2010 a Bruxelles (Belgio) dove impartisce formazione missionaria a gruppi internazionali, concentrandosi sul multiculturalismo, i complessi privilegi di bianchezza, rango e consapevolezza della diversità radicati nella scienza-arte del Process Work insegnata da Arnold e Amy Mindell e colleghi .
Come omosessuale si è cimentato con l’orientamento sessuale, l’omofobia interiorizzata e le abitudini che hanno modellato il suo sistema di credenze. Questo lavoro su di sé lo ha portato a sviluppare un profondo interesse interiore per esplorare il concetto di argomenti di profonda democrazia e di diversità che sono allo stesso tempo stimolanti, eccitanti e preziosi per gli individui, i gruppi, le istituzioni e il mondo in generale.
Attualmente, è uno studente di Fase 2 a Londra (Regno Unito) presso la “Società di ricerca di psicologia orientata ai processi” fondata da Jean-Claude e Arlene Audergon, e ha il diritto di esercitare la professione di psicoterapeuta sotto supervisione.
Gianfrancesco parla italiano, inglese, swahili, francese e spagnolo.

BARBARA LEUNER CORPINA

BARBARA LEUNER CORPINA

LU International Consulting GmbHLaurenzenvorstadt 79CH-5000 AarauMolto altro su www.blu-international-consulting.chPhone +41 62 822 86 80Mobile +41 78 600 91 41Skype Name: blu_swiss

Sono nata a Zurigo nel 1965 e sono cresciuta nella Svizzera tedesca con i miei genitori e un fratello più grande di quattro anni. Dopo aver conseguito la laurea in economia aziendale, ho iniziato ad acquisire esperienze professionali in diverse aziende medie e grandi (attive a livello nazionale e internazionale). In questa fase ho svolto incarichi in ambito di gestione di progetti operativi e strategici, e a livello dirigenziale. Negli ultimi anni ho effettuato vari soggiorni all’estero, fra gli altri in Italia nel 2011-14. Parlo fluentemente tedesco, inglese, francese, italiano, e capisco abbastanza bene lo spagnolo.

Nel 2002 ho avviato un’attività di consulenza nell’ambito dello sviluppo e del cambiamento aziendale e organizzativo, di team e della leadership, in ambienti non-profit e for profit. Mi occupo inoltre di coaching, di mediazione, di facilitazione con gruppi grandi e dello sviluppo e svolgimento di seminari in istituti professionali e in scuole di business. Nel 2013 ho iniziato la collaborazione con Lukas Hohler e altri colleghi, nel ruolo di facilitatrice degli Empowered Programs di GRUNDKRAFT. Da molto tempo sono interessata al campo terapeutico che mi ha aperto un nuovo percorso di esperienze.

Nel 2008 ho scoperto il Processwork, che ho iniziato ad approfondire in seguito, prima al DDI/USA (Deep Democracy Institute) con Max Schupbach e colleghi e adesso all’IPA a Zurigo, come studentessa “cand. dipl. POP”. Il Processwork accompagna la mia vita e offre molte possibilità di supportare individui e team nell’ambito della mia attività professionale. Inoltre studio Processwork per attivare il mio contributo anche a livello pubblico, nell’ambito di temi socio-politici.

Il mio grande sogno è che fra le persone possano emergere relazioni più fruttuose considerando le loro diversità e multiculturalità, e che così i dialoghi e le relazioni siano vissuti in modo più consapevole, più profondo e più percettibile.

Accompagno individui e gruppi negli ambienti più svariati. Supporto processi di trasformazioni e accompagno esperienze nell’ambito professionale e personale. Inoltre lavoro con sintomi corporei e con stati di coscienza alterati. La mia ambizione è che la vita possa rinforzare la propria vitalità ed energia per affrontare le sfide quotidiane.

 

In viaggio con noi!

Sono tanti i modi in cui puoi partecipare alle nostre attività e vivere il ProcessWork. Scopri i prossimi eventi in programma o contattaci per approfondire il programma di studio e il percorso verso il Diploma Internazionale in ProcessWork riconosciuto da IAPOP.