6-8 Settembre 2019

SOGNARE UN MONDO DI RELAZIONI: come navigare in sistemi aperti e multiculturali?

con Reini Hauser e Bogna Szymkiewicz

Emozioni e vibrazioni, tra studio e relazioni

Il report di Genny Carraro
Gli studenti del quarto anno si accingono a condividere, sostenere, esperire la terza sessione d’esami della scuola di Processwork. Nell’atmosfera si mescolano ingredienti differenti: il nervosismo di chi deve dare l’esame, quello di chi viene per sostenerlo; di chi lo vive come una prova e al tempo stesso come una danza fra quello che ha studiato, quello che ha integrato nella sua vita di ogni giorno; la pratica svolta in classe con compagne e compagni; un senso di amichevolezza ed intimità con l’insegnante che ci ha sostenuti nel crescere in questi quattro anni. Negli esami pratici uno studente si esprime nelle sue meta capacità di facilitatrice o facilitatore, altri studenti diventano partecipanti di processi di gruppo, dove ruoli, polarità, temi che toccano il personale, il piccolo gruppo, così come tante fasce della società umana, vengono esplorati, vissuti, portati in superficie. In diversi momenti durante quei giorni si è assaporato e toccata l’essenza, quel senso di essere un unico, un insieme di energie che portano verso la giusta trasformazione, il giusto fluire. Quel qualcosa di così profondo e toccante che non ci sono parole per descriverlo! L’accoglienza ed il calore di chi accompagna in questi esami, insieme al senso di comunità degli studenti, trasforma queste prove in momenti di piacevole confronto, di sperimentazione, di espressione di capacità personali conosciute e sconosciute! Un’esplosione di ricchezza!

In questo seminario, studenti vecchi e nuovi, partecipanti esterni e amici di questa metodologia navigano insieme nella scoperta della propria diversità, delle diversità del gruppo, l’impatto di gesti e parole nell’ambiente che ci circonda; impariamo a prenderci la nostra piccola parte di responsabilità; onoriamo tutte le voci che vorrebbero potersi esprimere, e che dal loro esprimere un messaggio individuale, devono trovare quella sincronicità, quell’armonia per entrare in risonanza con le voci e i messaggi portati da altri; solo così si fa musica, e non solo rumore! Tanta consapevolezza viene richiesta; un lavoro arduo per chi studia Processwork, così come per chiunque altro! Qui però abbiamo l’opportunità di fermarci, il lusso di poter riflettere, ascoltarci, esplorare con curiosità quei momenti dubbi, quelle apparenti frizioni, quei detti e non detti che si nascondono dietro a quello che noi chiamiamo doppi segnali! Un gioco divertente, che richiede molta molta presenza ed attenzione! Ci facciamo aiutare dal lavoro con i suoi sogni per scoprire qualità nascoste, messaggi che il sistema, il campo, quel filo conduttore che ci unisce, ci invia e ci chiede di portare attenzione. I sintomi diventano messaggeri di qualità nascoste, di poteri che non abbiamo ancora capito come esplorare ed utilizzare. I momenti di profondità, di tensione, di vulnerabilità e di gioia costellano i giorni di lavoro durante questo seminario.

Seminario "Sognare un mondo di relazioni", Bassano del Grappa 
Report di Genny Carraro

Rappresentazioni grafiche Irene Ausiello - studentessa della Scuola


Il Seminario

Sogni un mondo connesso, una comunità di appartenenza in cui sentirti accettato? A volte ti accorgi di essere teso, reattivo o forse addirittura arrabbiato e violento di fronte a differenze insormontabili rappresentate da qualcuno di un’altra cultura o con un’altra visione del mondo?

Gli attuali sviluppi e le attuali dinamiche culturali, sociali e politiche ci costringono più che mai ad affrontare le differenze e i conflitti ad esse associati. Non ci chiedono solo di navigare in sistemi aperti e multiculturali, ma ci sfidano a diventare più consapevoli e aperti alla diversità dentro di noi e negli altri, per costruire comunità che presentino maggiore diversità e sostenibilità, passando da unilateralità ed egemonia a un mondo basato sulla Democrazia Profonda.

Durante il workshop, e sotto la supervisione e guida di Reini Hauser e Bogna Szymkiewicz, diplomati in ProcessWork e psicoterapeuti da più di 30 anni, lavoreremo su:

  • dinamiche di gruppo - questioni collettive
  • enfasi sulle procedure di conflitto, interiore, relazionale e di gruppo
  • potere e dinamiche di rango e interazione con il conflitto
  • scoprire risorse nella diversità
  • sviluppare un insieme di strumenti per facilitare i gruppi.

DESTINATARI

A chi è rivolto il seminario?

Il format di workshop aperto nei primi tre giorni consente alle persone interessate di conoscere più da vicino la metodologia del ProcessWork sviluppata da Arnold e Amy Mindell: un metodo interdisciplinare che arricchisce l'approccio terapeutico tradizionale con la dimensione sovraindividuale e sistemica, esplorando le componenti sociali, culturali e politiche che emergono nei gruppi e nelle interazioni.

In particolare questo seminario, affrontando tra gli altri il tema dell’ascolto di tutte le voci, anche quelle marginalizzate, al fine di disvelare i messaggi che racchiudono, si rivolge a:

  • insegnanti che lavorano nelle scuole a contatto con bambini di varie provenienze geografiche ed estrazioni culturali
  • genitori bloccati nei ruoli che faticano a comprendere ed ascoltare le voci più nascoste dei propri figli, e per questo possono fraintenderne i messaggi e più in generale la comunicazione
  • operatori che lavorano nel sociale, a contatto con comunità marginalizzate, associazioni di donne, bambini, rifugiati
  • psicologi e psicoterapeuti interessati ad approfondire la metodologia del ProcessWork, psicologia orientata al processo
  • operatori del settore artistico e culturale
  • possibili futuri iscritti della scuola che desiderano respirare l’energia e i contenuti dei nostri workshop, conoscere gli insegnanti e scambiare parole ed esperienze con gli attuali studenti!

LOGISTICA

Date e orari workshop

Venerdì 6 settembre 15.00 – 19.00
Sabato 7 settembre 9.30 – 13.00 / 15.00 – 19.00
Domenica 8 settembre 9.30 – 13.00

Lunedi 9 e Martedì 10 – Riservato agli iscritti della scuola

Open School

Venerdì 6 settembre, in orario 11.30-13.30, si terrà una lezione introduttiva al Processwork e la presentazione della scuola.

Tutti gli iscritti al seminario sono invitati all'open school e potranno approfittare di queste due ore gratuite per avvicinarsi alla metodologia del ProcessWork, apprendendone le basi e sperimentando un mini processo di gruppo.

Vuoi iscriverti solo alla lezione gratuita di Processwork?

Compila il form inserendo nel messaggio "Iscrizione Open School".

 

Location

Il workshop e l'open school si tengono presso:

Centro giovanile
Piazzale Luigi Cadorna, 34
36061 Bassano del Grappa (VI)
http://www.centrogiovanilebassano.it

 

INFO E REGISTRAZIONI

Sei interessato a partecipare e vuoi maggiori informazioni oppure desideri iscriverti?

Compila il form e ricevi subito in email il depliant informativo con tutti i dettagli del workshop e dell'open school gratuita.

Ricorda che per il workshop è prevista una quota di partecipazione scontata per i primi tre iscritti e la promozione porta un amico! Nel depliant trovi tutte le informazioni.

I posti al workshop e all'open school gratuita sono limitati. Iscriviti al più presto seguendo le istruzioni del depliant per garantirti la partecipazione. Compila il form per ricevere informazioni di dettaglio.

 

Newsletter